Archivio Mensile: gennaio 2015

(Deutsch) Wettbewerbsrecht: Screenscraping zulässig

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Tedesco.
Pubblicato in Lettera ai clienti

Diritto societario (Germania): inefficacia della clausola di esclusione di un socio nello statuo di una Srl tedesca

La Corte Federale tedesca ha emesso una sentenza molto importante per molti statuti di Srl tedesche (sentenza del 29.04.2014, R.G. II ZR 216/13). Le quote sociali di un socio possono essere confiscate in casi eccezionali dalla società, ad esempio qualora la società persegua uno scopo che il socio mette in pericolo. La Corte Federale tedesca […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Diritto del lavoro (Germania): rischio linguistico legato alla conclusione del contratto di lavoro

Mentre in Italia il datore di lavoro deve preoccuparsi che il lavoratore abbia anche compreso il contenuto del contratto di lavoro a lui consegnato, il rischio linguistico in Germania è interamente a carico del lavoratore. Come la giurisdizione tedesca del lavoro costantemente conferma (da ultimo BAG, sentenza del 19.03.2014, 5 AZR 252/12) all’efficacia di un […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Corte di Giustizia dell’Unione Europea: le decisioni degli stati membri devono essere eseguite in ogni caso!

Anche se il procedimento di riconoscimento fin qui applicato nel 2015 viene meno con la riforma del Regolamento Bruxelles I, resta in piedi la possibilità di eccepire l’eccezione dell’ordine pubblico. In tale contesto la decisione della CGUE del 26.09.2013 (C 157/12) appare di grande importanza. La CGUE ha deciso su un procedimento incidentale tedesco che […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Corte di Giustizia dell’Unione Europea: diritto all’oblio

In una delle sue decisioni più note del 2014 datata 13.05.2014 la CGUE (Causa C-131/12) ha statuito il diritto all’oblio. Basandosi sulla direttiva UE sulla protezione dei dati personali n. 46/95 la Corte ha obbligato google e gli altri gestori di motori di ricerca a cancellare i dati personali, sui quali non sussiste un interesse […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Diritto societario (Germania): società per azioni, manleva dell’organo amministrativo dal pagamento di un‘ammenda

Un procedimento penale contro l’organo amministrativo era stato archiviato previo pagamento di un’ammenda di € 50.000 ai sensi del § 153 StPO (codice di procedura penale tedesco). Poiché l’organo amministrativo aveva realizzato la condotta in esecuzione del proprio ufficio, il consiglio di sorveglianza ha approvato il rimborso. La società ha poi fatto causa contro l’organo […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Compensazione ai sensi della legge italiana dinanzi a un Giudice tedesco

Secondo la legge tedesca il convenuto può compensare in sede giudiziale con un controcredito la cui sussistenza è contestata tra le parti. Il Giudice potrà eventualmente ritenere necessaria l’acquisizione delle prove relative al credito contestato. Ai sensi della legge italiana, al contrario, il convenuto può eccepire la compensazione solamente con un credito incontestato ovvero accertato […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Diritto fallimentare: registro europeo dei fallimenti

Sette stati membri dell’UE hanno creato dal 07.07.2014 una rete comune dei loro registri di fallimento (Germania, Estonia, Francia, Olanda, Austria, Romani und Rep. Ceca). Si attende l’arrivo di altri paesi. Il progetto della Commissione Europea deve rappresentare un primo passo sulla via di un registro unico UE dei fallimenti.
Pubblicato in Lettera ai clienti

Diritto societario (Germania): efficacia della clausola arbitrale non stipulata in sede notarile

In un caso di un contratto notarile di vendita di immobili e quote societarie le parti avevano rinviato ad un regolamento arbitrale allegato che il Notaio non aveva letto dinanzi alle parti. Ai sensi della legge tedesca tale parte non poteva ritenersi stipulata per atto notarile. Secondo la Corte federale tedesca tale regolamento non costituiva […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Diritto societario (Germania): responsabilità del revisore contabile

Qualora un revisore contabile rilasci un attestato erroneo, egli risponde, in linea di principio, solamente nei confronti della società. Ciò non vale tuttavia qualora egli sapesse che la sua verifica sarebbe stata utilizzata quale base per la decisione d’acquisizione della società da parte di terzi. Questo vale sia in merito a stati patrimoniali, che devono […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Website Dolce · LaudaImprintPrivacy dei Datiinfo@dolce.de