Archivio Mensile: febbraio 2014

Ricusazione del giudice per mancata concessione di nuovo termine per udienza

Qualora l’avvocato tedesco proponga una richiesta motivata di spostamento dell’udienza, il diniego viene valutato quale violazione del principio al contradditorio. La Corte d’appello di Oldenburg ritiene che ciò possa portare ad accogliere una richiesta di ricusazione del giudice (ordinanza dell’08.02.2013, 8 W 6/13).
Pubblicato in Lettera ai clienti, Utile

(Deutsch) Europäischer Zahlungsbefehl: Der Einspruch begründet keine Zuständigkeit des angerufenen Gerichts

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Tedesco.
Pubblicato in Lettera ai clienti

Agente di commercio: i clienti rimangono anonimi in caso di una violazione del divieto di concorrenza

Ai sensi della decisione della Corte Federale tedesca (sentenza del 26.09.2013, R.G. VII ZR 227/12) l’agente infedele che viola il divieto di concorrenza, deve fornire al preponente le informazioni necessarie per poter calcolare il danno da questo patito pari al mancato guadagno, in particolare è tenuto a indicare gli affari che ha procacciato per l’impresa […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Spese processuali generalmente non deducibili fiscalmente

Secondo la disposizione recentemente introdotta del § 33 (2) 4 legge sulle imposte sul reddito, sono in genere escluse dalla deduzione le spese sostenute per la conduzione di un processo. L´unica eccezione ammessa sussiste quando il contribuente corre altrimenti il rischio di perdere la sua fonte di sussistenza e quindi non poter più soddisfare i […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Acquirenti di impianti fotovoltaici sono sottoposti al diritto a tutela dei consumatori

Il Tribunale di Dortmund (sentenza del 10.05.2012, 12 O 18913/11) ha decisamente rafforzato con una decisione i diritti di acquirenti e gestori di un impianto fotovoltaico. Sotto l´aspetto di amministrazione privata del patrimonio, trattasi nel caso di consumatori, anche nel caso in cui l´elettricità generata venga completamente immessa nella rete pubblica. In tal modo spettano […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Risarcimento del danno del provider per perdita di una e-mail

Con la decisione del 11.07.2013 (R.G. 2 U 4/13) la Corte d’appello di Naumburg ha rafforzato notevolmente i diritti dei clienti di un provider. Qualora il provider crei un account e-mail a un utente e questi non riceva una e-mail molto importante per la conclusione di un affare, allora il provider è tenuto al risarcimento […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Responsabilità dell’avvocato per omessa ricerca online dei fallimenti pendenti

Ai sensi del § 9 InsO gli avvisi pubblici delle procedure fallimentari in corso vengono pubblicate sul sito internet www.insolvenzbekanntmachungen.de. Stando ad una recente decisione della Pretura di Müllheim (reperibile nella rivista NJW-RR 2013, p. 1064 ss.) un avvocato che opera abitualmente in materia fallimentare risponde nei confronti del proprio cliente per le spese derivanti […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Clausola arbitrale ineseguibile per carenza di massa

La Corte d’appello di Colonia ha accertato l’inattuabilitá di una clausola arbitrale in quanto il curatore fallimentare non era in grado di farsi carico dei costi del procedimento per la carenza di massa. Nel caso in questione il creditore che aveva citato il curatore, ha dovuto instaurare il procedimento dinanzi a un giudice ordinario ai […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Sentenza della Corte Suprema tedesca del 21.2.2013: responsabilità solidale del socio e del cessionario in riferimento alla richiesta di restituzione azionata dal curatore fallimentare per un finanziamento del socio

La Corte Suprema tedesca ha stabilito con sentenza del 21 febbraio 2013 (R.G. IX ZR 32/12) che un socio risponde in via solidale col cessionario per eventuali pagamenti avvenuti in favore del cessionario a titolo di rimborso di un finanziamento del socio ex § 135 comma 1 della legge fallimentare tedesca.
Pubblicato in Lettera ai clienti

Sentenza della Corte Suprema tedesca dd. 06.12.12 (R.G. IX ZR 3/12): presunzione dell’insolvenza del debitore in caso di accordi di rateizzazione

Il creditore deve dimostrare che l’insolvenza del debitore già manifestatasi precedentemente sia venuta meno tramite l’accordo di rateizzazione stipulato successivamente. La conoscenza da parte del creditore dello stato di insolvenza del debitore non viene meno automaticamente tramite la stipula di un accordo di rateizzazione, accordo onorato almeno inizialmente dal debitore, qualora l’attività commerciale del debitore […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Website Dolce · LaudaImprintPrivacy dei Datiinfo@dolce.de