Archivio Mensile: luglio 2010

Lettera ai Clienti 1/10

La cenere vulcanica ed i tagli del governo: si cosparga il capo di cenere chi ha speso troppo, oppure troppo poco, frenando così la ripresa. Spesso la strada giusta è immersa nella nebbia. La nostra lettera ai clienti può essere un ottimo aiuto per l’orientamento. newsletter_01_10
Pubblicato in Lettera ai clienti

La figura notarile tedesca cambia

Il notariato tedesco si presenta in modo molto eterogeneo in Germania e nei singoli Stati federali tedeschi. Oltre ai notai comparabili alle figure conosciute in Italia ed in Francia, nei vecchi Stati prussiani sopravvive ancora la figura dei cd. „Anwaltsnotare“ (notai-avvocati), dove la qualifica di notaio si aggiunge a quella dell’avvocato, il quale può richiederla […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

L’acquisto di una lampada qualifica l’avvocato quale consumatore

L’avvocato che acquista su e-Bay una lampada è considerato a tutti gli effetti consumatore al quale compete un conseguente diritto di recesso. Tale principio è stato ora consacrato dalla Corte Federale di Cassazione tedesca con sentenza dd. 30.09.2009 (causa VIII ZR 7/09). La Corte riconosce carattere di acquisto privato al negozio concluso da una persona […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Esecuzione di decisioni straniere

Con ordinanza dd. 21.01.2010 (nella causa IX ZB 193/07) la Corte Federale di Cassazione tedesca ha statuito che in un procedimento volto a dare esecuzione ad una decisione straniera, il debitore non può sostenere che l’atto introduttivo o altro atto non gli sarebbe stato notificato ove in base al diritto vigente nel paese d’origine egli […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Risarcimento per eccessiva durata del processo in Germania

La durata media di un processo civile di primo grado in Germania è di ca. 9/10 mesi. Le tante eccezioni confermano la regola. Ed invero sino ad oggi la Germania è stata condannata ben 58 volte dalla Corte europea per eccessiva durata del processo. A fronte di tale realtà, il Ministero della Giustizia tedesco ha […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Via libera alla compensazione per i colleghi italiani

La Corte di Cassazione ha stabilito con sentenza n. 18030/10 dd. 12.05.10 che all’avvocato non è ascrivibile un arricchimento senza causa ove trattenga le somme spettanti al proprio cliente per compensare i propri onorari dovuti. Se gli onorari sono liquidi esigibili e certi non è riscontrabile alcuna ipotesi penale. Al più si potrebbe ipotizzare una […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Obbligo d’informativa per i prestatori di servizio

La direttiva europea sulla prestazione dei servizi 123/2006 impone ora determinati obblighi d’informativa ai prestatori di servizi. Tale direttiva è stata attuata dal legislatore tedesco con apposita legge, la cd. Dienstleistungs- Informationspflichtenverordnung (DL-InfoV). Dal 17.05.2010 i prestatori di servizi sono tenuti ad informare i propri committenti. La normativa si applica anche agli avvocati. Nell’Anwaltsblatt 6/2010, […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

Libertà di scelta del proprio avvocato in caso di sinistri di massa

Con sentenza dd. 10.09.2009 (causa C 199/08) la Corte di Giustizia dell’UE ha rafforzato la posizione dell’assicurato, assicurandogli il diritto di poter nominare un avvocato di fiducia anche in presenza di un sinistro di massa. La tesi dell’assicurazione tutela legale, in base alla quale in questi casi si sarebbe dovuto nominare un unico avvocato per […]
Pubblicato in Lettera ai clienti, Utile

Procedura fallimentare principale ed esecuzione in altri Stati

Come deciso dalla Corte di Giustizia dell’UE, in seguito all’apertura della procedura d’insolvenza, le autorità degli altri Stati Membri sono obbligati a riconoscere e dare esecuzione a tutte le decisioni rese in tale contesto. Conseguentemente, non potranno ordinare misure esecutive sul patrimonio del debitore fallito ove tale misura non sia prevista dall’ordinamento dello Stato in […]
Pubblicato in Lettera ai clienti

La multa tedesca sconfina

Nel prossimo futuro le multe tedesche potranno essere eseguite in via coatta oltre i confini nazionali. Sulla scorta della politica comunitaria, il governo federale tedesco ha avanzato una proposta di legge che richiede il reciproco riconoscimento delle multe tra gli Stati Membri (BT-DR 17/1288). Pare vi sia tuttavia ancora una via d’uscita: in una causa […]
Pubblicato in Lettera ai clienti, Utile

Website Dolce · LaudaImprintPrivacy dei Datiinfo@dolce.de